home page

Quasi angeli, 2004

installazione, camicie, vestaglie in carta cellophan stampata, per fioristi
dim. variables (ogni elemento h 1 m circa)

Wer, wenn ich schriee, hörte mich denn aus der Engel Ordnungen ?
(Rainer Maria Rilke, Duineser Elegien) 

Camicie e vestaglie da ospedale di cellophane trasparente stampato a fiori - quello utilizzato dai fioristi - che galleggiano nell’aria.

I fioristi, accudendo il nostro modo di entrare in relazione con l’altro nelle occasioni importanti della nostra vita (nascita, malattia, morte, ma anche amicizia, amore), sono i custodi del codice di espressione dei nostri sentimenti; così il personale della lavanderia, in un processo continuo di pulizia e di allontanamento, tiene a bada  l’orda degli agenti patogeni che in continuazione assedia ed è prodotta dai nostri corpi; e il personale sanitario sorveglia e cerca di contenere il disordine dei metabolismi. 
Lasciar intravedere un effimero corpo di leggerezza là dove l’esistenza esibisce e occulta la sua grande ferita.

È una forma di fine nebbia, proveniente dai camini della Centrale de Traitement du Linge, la lavanderia di tutti gli ospedali di Ginevra, nel parco di Belle-Idée, che ha attratto il mio sguardo e, attraverso lo specchio delle finestre, ha fatto apparire delle camicie come angeli che sfilavano nel cielo.

Qui si lavano e rigenerano le camicie, le vestaglie dei pazienti e delle puerpere, i camici delle infermiere, dei medici e dei chirurghi, di tutta la moltitudine di persone che,  cercando di conquistare un incerto equilibrio, si prende cura del proprio corpo e della propria anima o di quello e di quella altrui.

Ottanta tonnellate di biancheria per settimana, venti tonnellate al giorno, che le donne della lavanderia smistano, sollevano, appendono alle grucce, selezionano perché siano presi a carico dalle macchine che, come una catena di montaggio, lavano, stirano, piegano.

Perché delle camicie in carta cellophane da fioristi?

Perché appartiene al mio modo di lavorare il declinare una metafora nel modo più profondamente concreto.

Galerie Riss, Samedan, 2004, Quasi Angeli
BluVanoni, Spazio per l'arte contemporanea, Chies S.Rocco, Losone, 2008. Peste 
Collezione della Repubblica del Cantone Ticino, Divisione della Cultura, dal 2011



< 1 | 12 >
< >